Chiarimenti del CNDCEC sulle Stp

di Fabrizio Marasi - 29 luglio 2013

Dopo la circolare 32/IR del 12 luglio 2013 dell’IRDCEC, anche il CNDCEC con ben tre “Pronto Ordini”, datati tutti 22 luglio 2013, a firma del direttore generale Francesca Maione, fornisce ulteriori chiarimenti, aggiungendo nuove tessere al mosaico delle Società tra professionisti (Stp). Pur essendo i chiarimenti specifici per gli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, si ritiene che possano essere di valido indirizzo generale.

Ordine di iscrizione della Stp, sospensione e cancellazione del socio professionista (PO 154/2013 indirizzata all’Ordine di Napoli)

Con il documento sono forniti chiarimenti in merito ai seguenti argomenti:

  • Ordine presso il quale deve essere annotata la Stp. Competenza territoriale. La Stp dovrà essere annotata presso l’Ordine nella cui circoscrizione territoriale ricade la sede legale della Stp, a nulla rilevando l’Ordine presso cui sono iscritti i singoli soci professionisti. I soci professionisti potranno, tuttavia, richiedere la successiva annotazione della Stp anche nei rispettivi Ordini territoriali di appartenenza;
  • Stp multidisciplinari – Ordine di iscrizione. Se l’atto costitutivo non prevede l’attività professionale prevalente, dovranno essere iscritte in tutti gli albi professionali dei soci professionisti;
  • compatibilità dell’esercizio individuale della professione e partecipazione ad una Stp. Premesso che la norma prevede unicamente che non sia possibile partecipare a più di una Stp, nulla vieta, sotto il profilo normativo, l’esercizio individuale della professione da parte del socio professionista.
  • La sospensione del socio professionista dall’esercizio della professione, pur precludendo al socio professionista l’esercizio della professione, non produce effetti sull’esistenza della Stp;
  • la cancellazione del socio professionista comporta la cancellazione della Stp dalla sezione speciale unicamente nel caso in cui, con la cancellazione, venga meno la prevalenza dei soci professionisti.

Società unipersonali – Unica sezione speciale – Autocertificazione dell’Ordine di appartenenza da parte di soci professionisti – Requisiti per l’iscrizione della Stp – Trasferimenti dei soci professionisti (PO 158/2013 indirizzata all’Ordine di Torino)

Nel documento è posta attenzione alla forma societaria e all’oggetto sociale.

  • Esclusione della possibilità di costituire società unipersonali. Viene confermato l’indirizzo espresso dalla circolare 32/IR, escludendo la possibilità di costituire Stp in forma di società unipersonali, stante la previsione normativa dell’esercizio dell’attività professionale da parte dei soci (il plurale indica l’impossibilità di costituire società unipersonali).
  • Previsione di un’unica sezione speciale. La sezione speciale dell’Albo dovrà essere unica, senza distinzione tra società uniprofessionali o multiprofessionali o tra iscritti nella sezione A o B dello stesso albo.
  • Il certificato di iscrizione all’albo dei soci professionisti può essere sostituito dall’autocertificazione.
  • Per l’iscrizione della Stp alla sezione speciale dell’albo devono sussistere i seguenti requisiti minimi:

- forma societaria: società di persone, capitali o cooperative;

- oggetto sociale: previsione dell’attività di una o più attività professionali ordinistiche, con indicazione dell’attività prevalente in caso di società multiprofessionali;

- esercizio dell’attività professionale in via esclusiva nell’oggetto sociale, essendo precluse altre attività, potendosi esercitare unicamente attività strumentali o complementari all’esercizio della professione o alla fornitura di beni o servizi che facilitino l’esercizio della professione medesima.

Obbligo assicurativo (PO 182/2013 indirizzata all’Ordine di Vicenza)

Con questo documento, che interviene in merito alla possibilità di iscrivere una Stp che non preveda statutariamente l’obbligo di stipula di una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile per danni causati ai clienti, si forniscono alcune linee guida in relazione alle coperture assicurative per la società e per i soci professionisti.

Obbligo di copertura assicurativa

La Stp è obbligata, ai sensi dell’art. 10, c.4, c bis, della legge 183/2011 a stipulare un’idonea copertura assicurativa. Questo obbligo è autonomo rispetto all’analoga previsione per i singoli professionisti prevista dall’art. 5 del DPR 137/2012, ne consegue che:

  • configurazione delle coperture assicurative. Con il documento sono forniti chiarimenti a proposito delle diverse configurazioni delle posizioni assicurative dei professionisti all’interno della Stp, premesso che la copertura dei rischi dei soci professionisti per gli incarichi affidati alla Stp sarà coperta dalla polizza stipulata da quest’ultima;
  • il professionista titolare che esercita anche in forma individuale godrà della copertura della polizza della Stp nello svolgimento degli incarichi affidati a quest’ultima, mentre dovrà stipulare una propria polizza per l’esercizio dell’attività professionale al di fuori della Stp;
  • il professionista che svolge la propria attività solo all’interno della Stp non avrà necessità di stipulare le ulteriori polizze;
  • le polizze stipulate individualmente dai singoli soci professionisti non fanno venir meno l’obbligo di stipula di idonea polizza da parte della Stp.

Obbligo di indicazione nell’atto costitutivo della Stp

L’obbligo di sottoscrivere la polizza assicurativa per i rischi derivanti dalla responsabilità civile per i danni causati ai clienti deve essere previsto in apposita clausola statutaria, a pena di diniego dell’iscrizione della Stp nella sezione speciale.


Fabrizio Marasi

@fmarasi

0 Commenti :

Commento

Captcha