Strumenti di successione per le imprese familiari

di Andrea Arrigo Panato - 30 marzo 2015

Segnalo al lettore un interessante volume promosso dalla Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze in tema di passaggio generazionale nelle imprese familiari.

Interessante soprattutto il taglio interdisciplinare dato all’analisi che ha portato gli autori a raccogliere le riflessioni sviluppate da esponenti dell’accademica e del mondo professionale.

Il fenomeno successorio è complesso e non facile da dominare, destinato ad alterare gli equilibri e le dinamiche sia della famiglia che dell’impresa. Questo però non deve spaventare, anzi dovrebbe accelerare la messa in atto di iniziative volte a pianificare la successione.

Per quanto siano evidenti le resistenze psicologiche dell’imprenditore ad affrontare il passaggio di consegne è altresì importante iniziare per tempo a inserire la nuova generazione in azienda con le adeguate deleghe.

Affrontare il problema per governare il passaggio è indispensabile per preservare e tramandare non solo il patrimonio aziendale ma soprattutto quell’insieme di valori di cui l’imprenditore è custode.

Soprattutto tutto ciò può diventare una leva formidabile di cambiamento, perché se l’erede deve studiare per adeguarsi all’azienda, l’azienda dovrà evolvere e mutare per adeguarsi al nuovo leader.

L’ingresso delle nuove generazioni, così come l’ingresso di nuovi soci, richiede un’attenta valutazione delle opzioni e degli strumenti a disposizione per agevolare l’inserimento e l’assunzione di responsabilità.

In ogni caso vanno considerati attentamente tutti gli aspetti legali e fiscali connessi alla revisione dell’assetto proprietario e l’eventuale utilizzo della leva finanziaria, perché sempre più spesso il momento del passaggio generazionale coincide con la ridefinizione della strategia aziendale.

Non andranno poi sottovalutati i rapporti psicologici tra le persone coinvolte che vedranno sovrapporsi la realtà familiare con quella aziendale.

Tutto da approfondire e non sottovalutare il tema del conflitto tra eredi e degli strumenti, per così dire, deflattivi del contenzioso.

I patti di famiglia possono in tal senso rappresentare una interessante soluzione ancora oggi in parte sottovalutata e poco utilizzata.

Importante anche l’intento dei curatori: “Il volume intende assolvere anche una funzione, potrebbe dirsi, “sociale”, essendo dedicato ad un tema dalle forti implicazioni culturali. In quanto tale richiede la più ampia e libera divulgazione. Per questa ragione è stata privilegiata la veste elettronica. Senza alcuna pretesa di fornire definitive chiavi di lettura, il suo scopo potrà considerarsi raggiunto se gli scritti che raccoglie saranno occasione, soprattutto tra gli imprenditori, di ponderate riflessioni e seri approfondimenti”.

 

Per approfondire: "Imprese a base familiare. Strumenti di successione".


Andrea Arrigo Panato

@commercialista

prev
next

0 Commenti :

Commento

Captcha