Check list imposte 2015

di Andrea Arrigo Panato - 1 giugno 2015

La Fondazione Nazionale Commercialisti ha pubblicato il documento “Check List imposte 2015”, un utile strumento operativo di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali.

Le regole di determinazione del reddito d’impresa rilevante ai fini Ires e di determinazione della base imponibile Irap sono sempre più specialistiche e complesse. Emerge quindi in maniera chiara l’esigenza da parte dei professionisti e dei collaboratori di studio di poter disporre di strumenti, chiari, completi e aggiornati che li accompagnino nelle valutazioni a supporto delle rettifiche fiscali alle poste del bilancio di esercizio, al fine di ridurre il rischio di commettere errori o disattenzioni in un momento particolarmente delicato nella vita di studio a causa della grossa concentrazione di lavoro in pochi mesi e di una normativa confusa e complessa.

A tale scopo si propone all’attenzione del lettore un documento operativo appena pubblicato dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti che con questa check list dedicata agli aspetti principali della determinazione fiscale del reddito d’impresa vuole rafforzare il suo ruolo a sostegno della categoria.

A pochi giorni dall’ appuntamento annuale con la predisposizione del conteggio imposte viene proposto un modello di raccolta dati e verifica degli stessi, atto a reperire tutte le informazioni necessarie alla corretta definizione del debito tributario e alla corretta compilazione del modello Unico, relativo ai redditi dell’anno 2014 al fine di facilitare l’ esecuzione dell’adempimento.

La check list vuole essere sia un utile strumento di lavoro per la raccolta della documentazione necessaria ai fini dell’adempimento, sia una prova documentale sottoscritta da parte dei contribuenti che certificano la correttezza dei dati affidati al professionista.

Per questo motivo va il nostro plauso alla Fondazione Nazionale Commercialisti che non solo produce documenti di assoluto interesse per la categoria (che nel nostro piccolo non manchiamo mai di segnalarvi), ma anche sollecita noi tutti ad adottare un metodo di lavoro sicuramente più laborioso ma indispensabile a far evolvere i nostri studi verso una maggiore qualità e riduzione del rischio professionale. Sarebbe utile in tal senso poter disporre anche di una versione in word.

Specializzazione e organizzazione di studio rappresentano ormai le due direttrici verso cui orientarsi in maniera decisa, pianificando un cambiamento che non è sempre facile ma che al tempo stesso rappresenta l’unico modo di emergere in un mercato sempre più competitivo e, fatemi dire, a volte confuso come quello dei servizi professionali.

Inutile però sottolineare che l’auspicio per il futuro è che il legislatore ci consenta di operare in un sistema normativo più semplice e che la check list il prossimo anno possa risultare più snella.

 

Per approfondire: Check list imposte 2015 (Irap e Ires)

 

Andrea Arrigo Panato

@commercialista

prev
next

0 Commenti :

Commento

Captcha