Ascoltare le imprese per interpretare il futuro delle professioni

di Andrea Arrigo Panato - 7 marzo 2016

Il lettore più attento se ne sarà già accorto ma in questi ultimi tempi su MySolution Post stiamo cercando di ascoltare i numerosi e alle volte ancora acerbi stimoli provenienti dal mondo delle imprese convinti che questo sia l’unico modo per provare a interpretare il futuro delle professioni.

La struttura imprenditoriale del Sistema Italia si sta modificando. Le tradizionali Pmi familiari stanno crescendo. Le nostre imprese, superata la crisi tendono ad adottare una dimensione superiore a quella attuale, guardano sempre più all’internazionalizzazione come a un fattore ordinario della loro strategia, tendono sempre più a confrontarsi con il mondo delle startup, assimilarne la cultura, studiarne (seppur con un certo scettiscismo) il modo di affrontare il mercato.

Inizia nelle imprese più competitive una forte autoanalisi di quali capacità mancano al loro interno.

Parole come big data, open innovation, metodo lean startup si iniziano a sentire timidamente anche all’interno dei nostri studi.

Concorrenza e tecnologia stanno modificando e sempre più lo faranno in futuro la nostra professione. È importante non venir colti impreparati. Qualche esempio?

  • Contabilità sempre più automatizzata (già oggi assistiamo a timidi tentativi che tracciano la via…);
  • Fatturazione elettronica e integrazione banche dati fiscali/contribuente;
  • Webmarketing e nuovo rapporto con i clienti;

Noi accettiamo la sfida convinti di poter coniugare tradizione e innovazione. Ascoltando.

Ci siamo impegnati in una attenta attività di scouting per selezionare alcune voci che non sempre trovano il giusto spazio nella stampa economica e altre già conosciute e stimate dagli addetti ai lavori ma poco note nel nostro mondo professionale.

La strada da percorrere per rinnovare i nostri studi non è ancora chiara ma sicuramente ciascuno di questi articoli (come molti altri presenti su MySolution Post) contiene degli spunti su cui riflettere.

Purtroppo l’Amministrazione Finanziaria che dovrebbe essere il nostro maggior alleato sulla strada dell’innovazione (perché big data, maggior dimensione delle imprese, ecommerce, ecc. dovrebbero ridurre l’evasione fiscale) purtroppo gioca al lato oscuro della forza.

Il Paese invece avrebbe un infinito bisogno di vedere tutti i soggetti che a vario titolo collaborano con il mondo delle imprese lavorare a un unico obiettivo: innovazione, semplificazione, legalità.

 

Andrea Arrigo Panato

@commercialista

prev
next

0 Commenti :

Commento

Captcha