IMPRESA

Ricerca Ambrosetti: rilanciare i porti per rilanciare l'economia del Paese

Ci sono 50 miliardi di euro che potrebbero entrare nel sistema economico nazionale lasciati sulle banchine dei porti italiani. Questa è la cifra (eclatante) che si potrebbe ottenere in termini di valore aggiuntivo del commercio internazionale, ogni anno, semplicemente allineando ai tempi medi Ue quelli di sbarco e imbarco dei nostri porti.

di Vittorio Zirnstein - 9 luglio 2013
F

Farsi bene i conti

Molto spesso le imprese che decidono di avviare un processo di internazionalizzazione, tra i vari aspetti che sembrano dimenticare, è quello finanziario. Fa sempre parte di quella mancanza di pianificazione che contraddistingue i produttori dai venditori, ma questo aspetto nel tempo può portare a vanificare gli sforzi iniziali al quasi raggiungimento della meta.

di Federica Piran - 8 luglio 2013
F

Belli e ben fatti: “Arredamento, ecco dove esportare il made in Italy”

Nel 2018 le esportazioni italiane cresceranno di 1,3 miliardi rispetto al 2012. I nuovi mercati assorbono oltre 33 miliardi, Russia e Cina attirano 2,7 miliardi

di Lorenzo Morelli - 1 luglio 2013
F

La mappa delle esportazioni, ecco dove investire

La Cina nel 2018 assorbirà 6,7 miliardi di importazioni. Seguita da Russia e Emirati Arabi. L’alimentare vale 2,3 miliardi di euro. Nel 2012 formaggi e pasta italiani: +18,3%.

di Lorenzo Morelli - 26 giugno 2013
F

Boom di richieste per il concordato “in bianco”: opportunità o scappatoia per “furbetti”?

Dopo le modifiche alla legge fallimentare del settembre 2012, il numero delle procedure aperte è schizzato in alto. C’è il timore che molte aziende approfittino della domanda “con riserva” per rinviare il fallimento. Per evitare abusi il governo Letta ha modificato ulteriormente le norme relative al concordato preventivo. Ma è davvero un meccanismo opaco e da rivedere? C’è chi dice no, come due autori de Lavoce.info, che suggeriscono anche cosa possono fare i professionisti per limitare applicazioni scorrette dello strumento.

di Maurizio Di Lucchio - 25 giugno 2013
F

Gli aspetti fondamentali per internazionalizzarsi

Internazionalizzarsi è una cosa seria, da pianificare, progettare, studiare a tavolino soprattutto sotto tre aspetti fondamentali: organizzativo, finanziario e culturale. E’ assolutamente vietata l’improvvisazione.

di Federica Piran - 24 giugno 2013
F

Start up, intervista a Salvo Mizzi: ‘Ecco che ruolo possono giocare i professionisti per favorire l’innovazione'

Intervista a Salvo Mizzi, fondatore del programma Working Capital di Telecom Italia, che annuncia le novità dell’edizione 2013 per le nuove imprese innovative: più finanziamenti, tre acceleratori a Roma, Milano e Catania, l’inserimento dei progetti nella lista dei fornitori certificati della compagnia e un incentivo per adottare le soluzioni ideate dai giovani startupper. Il contributo dei commercialisti - dice il numero uno dell'acceleratore - in questo scenario può essere essenziale. Ecco perché.

di Maurizio Di Lucchio - 18 giugno 2013
F

Eataly, il made in Italy corre sul web

Con un investimento di 2,5 milioni il nuovo progetto di e-commerce guidato da Franco Denari punta a distribuire i prodotti alimentari di Farinetti nel mondo

di Lorenzo Morelli - 17 giugno 2013
F

Internazionalizzazione, non solo vendere all'estero

Le pmi, per far fronte a questo periodo di stagnazione e profonda crisi del mercato domestico, hanno la necessità di avviare processi di internazionalizzazione. Per le imprese idonee avviare questo cambiamento di prospettiva potrebbe essere sia una risposta tattica alla mancanza di ordini sul mercato interno sia un’occasione per strutturarsi in maniera più organizzata, pianificata e ragionata

di Federica Piran - 10 giugno 2013
F

Crowdfunding, la folla fa la forza

Un progetto su tre nasce grazie ai finanziamenti raccolti sul web. In Italia esistono oltre 20 siti specializzati che muovono un valore pari a 13 milioni di euro.

di Lorenzo Morelli - 10 giugno 2013
F

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 »