IMPRESA

Start up innovativa culturale: la nuova frontiera dell’innovazione d’impresa

Le “start up culturali” la nuova forma di impresa che è stata introdotta con una proposta di legge presentata dalla VII Commissione Cultura della Camera, finalizzata alla promozione dell’imprenditoria giovanile under 35 nel settore culturale.

di Maurizio Maraglino Misciagna - 7 giugno 2016
F

Passaggio generazionale e il rischio della “matrioska”

Abbiamo più volte affrontato il tema del passaggio generazionale, dei rischi e delle opportunità. Negli ultimi anni abbiamo più volte affrontato la successione d’impresa e in particolare due casi mi sono rimasti impressi e considero esemplari. Due realtà differenti, due modalità differenti di affrontare questa grande sfida.

di Andrea Arrigo Panato - 6 giugno 2016
F

Diotti (Area D.): “Ho puntato sulla multicanalità e ho vinto la scommessa”

La storia di Andrea Diotti, imprenditore brianzolo attivo nel settore dell’arredamento, ha inizio con una (pacifica) “ribellione”: quella verso l’azienda di famiglia, nella quale ha mosso i suoi primi passi, ma da cui si è ben presto allontanato (pur rimanendone socio) per seguire il suo spirito “rivoluzionario”, che lo avrebbe guidato verso nuovi e innovativi progetti.

di Luigi Piscitelli - 26 maggio 2016
F

L’impresa umanistica, con il modello TEDx

Cinque temi (offerta, fiducia, risorse, educazione, sogno) al centro della riflessione del TEDXPadova, che possono rappresentare altrettanti capitoli di ogni progetto di cambiamento personale o aziendale, da costruire traendo ispirazione e lavorando sull’intersezione tra discipline, culture e territori.

di Michele Popolani - 19 maggio 2016
F

Bellini (Ar-tex): “Radici in Italia, ma aperti al mondo”

In anni in cui va molto di moda parlare di start up e di pmi innovative, ci si dimentica troppo spesso di quel manufatturiero che nel corso degli anni ha fatto la fortuna dell’economia italiana. Un mondo fatto di distretti industriali e di piccole e medie aziende che costituisce l’ossatura stessa del Paese, generando posti di lavoro e buona parte del prodotto interno lordo nazionale.

di Luigi Piscitelli - 13 maggio 2016
F

Focalizzazione: definire obiettivi e inseguire una vision chiara

Per l'impresa il successo corrisponde necessariamente al raggiungimento di una meta. Non può quindi esserci un risultato positivo se prima non è stato definito un obiettivo chiaro. Ciò che spesso avviene all'interno delle organizzazioni è, invece, esattamente il contrario.

di Giampiero Vecchiato - 12 maggio 2016
F

Grandi imprese: entro il 31 luglio il pagamento del contributo Antitrust

I professionisti che assistono le imprese con fatturato superiore ai 50 milioni di euro devono mettere in agenda un’ulteriore scadenza, in un periodo già fitto di adempimenti tributari. Entro il 31 luglio 2016, infatti, scade il termine per versare il contributo di funzionamento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm).

di Valerio Stroppa - 11 maggio 2016
F

Per fare impresa in Italia ci vuole un fisico bestiale

“Ci vuole un fisico bestiale“ cantava qualche anno fa Luca Carboni. Una canzone che ben descrive la tempra di chi fa impresa in Italia. Da una recente ricerca di Confindustria appare chiara sia la forte vocazione industriale del nostro Paese sia quanto sia dura la vita per chi fa impresa oggi.

di Andrea Arrigo Panato - 2 maggio 2016
F

Casati (Velasca): “Così coniughiamo artigianato italiano e innovazione”

Galeotta fu la spiaggia di Bali. Tra la sabbia dorata e il mare cristallino dell’isola indonesiana è infatti scoppiato il colpo di fulmine (aziendale) tra Enrico Casati e Jacopo Sebastio, i due giovani fondatori di Velasca, brand di scarpe artigianali rigorosamente “made in Italy”.

di Luigi Piscitelli - 29 aprile 2016
F

Le nuove fabbriche, a partire da Vicenza

In fondo, la sfida del Festival Città impresa di quest’anno è stata quella dei “segnali deboli”, da interpretare con attenzione, per capire se una nuova industria è già in cammino, e se, dopo il secolo del “fordismo” dei prodotti tutti uguali, la fabbrica potrà ancora rappresentare in Italia un fattore di sviluppo. I tre giorni di dibattiti e riflessioni ci dicono di sì.

di Michele Popolani - 15 aprile 2016
F

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 »