IMPRESA

Formazione: chi si ferma è perduto!

In tempi di crisi il successo dell'impresa passa anche - e soprattutto - attraverso l'accrescimento di competenze delle persone che già lavorano all'interno dell'organizzazione. A fronte della difficoltà ad assorbire nuovi inserimenti di personale, si tende a ricercare le competenze all’interno delle organizzazioni. Ma le persone che vi lavorando devono essere disposte ad assumersi nuovi compiti e responsabilità, ad accettare nuovi incarichi, a mettersi in gioco: non ci può essere delega senza formazione.

di Giampiero Vecchiato - 13 ottobre 2016
F

Imbastiamo il regolamento aziendale come un vestito su misura

Una volta effettuata la mappatura iniziale, era arrivato il momento di rimettere mano al regolamento ormai obsoleto. Bisognava imbastire un vestito su misura partendo dalle criticità aziendali e trasformando il regolamento in uno strumento utile.

di Sandra Paserio - 7 settembre 2016
F

La competizione interna porta a migliori risultati?

“Chi fa da sé fa per tre” è il tipico motto dell’azienda “s-collaborativa”, dove la regola è divide et impera tanto nelle logiche di elaborazione delle idee e dei processi di carriera, quanto nell’attività produttiva e organizzativa quotidiana. Un’azienda è, invece, collaborativa in funzione del clima che riesce a creare al suo interno.

di Giampiero Vecchiato - 4 agosto 2016
F

Focalizzazione: definire obiettivi e inseguire una vision chiara

Per l'impresa il successo corrisponde necessariamente al raggiungimento di una meta. Non può quindi esserci un risultato positivo se prima non è stato definito un obiettivo chiaro. Ciò che spesso avviene all'interno delle organizzazioni è, invece, esattamente il contrario.

di Giampiero Vecchiato - 12 maggio 2016
F

Le aziende familiari tornano a crescere

L’Osservatorio Aub dispone di informazioni dettagliate e aggiornate relative alla proprietà, alla governance, al management e alle performance economiche e finanziarie di tutte le 15.722 aziende italiane a proprietà familiare con un fatturato pari o superiore a 20 milioni di euro. Si focalizza poi in maggiore dettaglio sulle 10.231 aziende a controllo familiare.

di Andrea Arrigo Panato - 14 dicembre 2015
F

Digital transformation: nuove strategie, nuovi processi e nuove competenze

Diventa pertanto sempre più necessario per l’azienda comunicare (collaborare, condividere, coinvolgere), semplificare i processi, innovare (creare prodotti e servizi in grado di adattarli al sempre più repentino cambiamento). Ma come fare? Quali strategie attuare?

di Giada Marangone e Francesco Venier - 22 settembre 2015
F

Una buona reputazione rassicura il cliente

La reputazione delle aziende e delle organizzazioni non è mai stata così al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica e di tutti i pubblici, a partire dagli stakeholder. Tale attenzione per la reputazione del brand guarda all’ambiente e all’opinione pubblica, a tutte le componenti aziendali (proprietà, manager, dipendenti) e a tutti i suoi comportamenti.

di Giampiero Vecchiato - 3 febbraio 2015
F

Aziende: come e quando cedere il passo

Capire quando e come uscire da un’azienda, quando si detiene la proprietà, è una scelta complessa, sia in tempo di crisi, sia quando la situazione è florida ma ci sono altri problemi, come l’eccessivo attaccamento alla propria creatura, le pressioni di persone terze, come i consulenti per esempio, e l’eterno fardello dei parenti e delle seconde generazioni.

di Maria Rosaria Iovinella - 28 novembre 2014
F

« 1 »