LAVORO

Demansionamento: cosa cambia e quali sono i limiti

Il testo originario dell’art. 2103 del cc prevedeva il divieto per il datore di lavoro di adibire il lavoratore a mansioni inferiori rispetto a quelle per cui era stato assunto o a cui successivamente era stato adibito. Tuttavia capitava che tale divieto, creato per tutelare la professionalità del prestatore di opera, si ritorcesse contro la possibilità, in caso di crisi, di salvare il posto di lavoro del dipendente.

di Benedetta Cargnel - 28 ottobre 2015
F

Jobs Act, novità in arrivo per gli autonomi

Il Consiglio dei ministri ha elaborato alcune misure volte a semplificare e ridurre i costi del lavoro autonomo. Mentre la semplificazione fiscale verrà introdotta nella prossima Legge di Stabilità (la ex legge finanziaria), le nuove norme saranno inserite in un disegno di legge collegato che dovrebbe ricevere l’approvazione definitiva entro il dicembre di questo anno.

di Claudio Cortesi - 23 ottobre 2015
F

Controlli a distanza dei lavoratori: tutto ciò che c’è da sapere

Hanno fatto molto discutere nelle scorse settimane le modifiche apportate dal Governo alla norma che regola il controllo a distanza dei lavoratori. In molti si sono chiesti se l’intervento non fosse lesivo della tutela della privacy dei dipendenti. La Fondazione studi dei Consulenti del Lavoro con la circolare n. 20 prova a fare un po’ di chiarezza sul tema.

di Luigi Piscitelli - 22 ottobre 2015
F

Rapporti di lavoro sempre più “telematici”

Tra le novità più importanti introdotte dal D.Lgs. n. 151/2015 c’è la previsione che obbliga alla trasmissione telematica alla Direzione territoriale del lavoro competente dei contratti collettivi di secondo livello, qualora si intenda fruire di benefici contributivi e di altre agevolazioni connesse alla stipula.

di Luigi Piscitelli - 21 ottobre 2015
F

Disintermediare. A proposito della figura istituzionale e del ruolo del consulente del lavoro

Anche oggi il professor Tito Boeri (su Il Sole 24 Ore) contro i Consulenti del lavoro a colpi di “disintermediare!”. Un po’ come se eliminassimo i professori nel rapporto tra studenti e Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR) o nel rapporto che hanno con i libri di testo.

di Michele Tiraboschi - 21 ottobre 2015
F

Tutte le semplificazioni in materia di lavoro

Il decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 151 ha introdotto una serie di razionalizzazioni e semplificazioni di procedute e adempimenti in materia di lavoro. La circolare n. 19/2015 della Fondazione studi dei Consulenti del Lavoro prende in analisi gli aspetti principali delle nuove norme.

di Luigi Piscitelli - 16 ottobre 2015
F

Il datore di lavoro non può spiare le conversazioni on line del dipendente

Un recente provvedimento del Garante della privacy, il n. 345 del 4 giugno 2015, ha preso in analisi la condotta del datore di lavoro che utilizza il contenuto delle conversazioni private di Skype del proprio dipendente per sanzionarlo disciplinarmente.

di Benedetta Cargnel - 15 ottobre 2015
F

I Consulenti del Lavoro contro l’Inps

I Consulenti del Lavoro a muso duro contro l’Inps. La presidente dell’ordine Marina Calderone reagisce in maniera veemente alle dichiarazioni del presidente dell’istituto di previdenza Tito Boeri, il quale nei giorni scorsi aveva sostenuto che “il principale ostacolo alla digitalizzazione dell'Istituto sono gli intermediari, in particolare i Consulenti del Lavoro, che costituiscono un costo per le aziende”.

di La Redazione - 13 ottobre 2015
F

Certificazione dei contratti, ecco cosa cambia con il Jobs act

Il Jobs act amplia il ventaglio degli interventi nell’ambito delle certificazioni dei contratti. Con l’entrata in vigore del D.Lgs. n. 81/2015, infatti, aumentano sia le competenze delle Commissioni di certificazione, sia gli interventi dei Consulenti del Lavoro ai quali è stato affidato il ruolo di terzietà.

di La Redazione - 9 ottobre 2015
F

Codice di comportamento e tutela del lavoratore

L’art 7 della legge n. 300/1970 al primo comma recita che: “Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Esse devono applicare quanto in materia è stabilito da accordi e contratti di lavoro ove esistano”.

di Benedetta Cargnel - 7 ottobre 2015
F

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 »