LAVORO

Risoluzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato

Contributo una tantum di licenziamento: ecco le disposizioni dall’Inps in attuazione della norma introdotta dalla cosiddetta Riforma Fornero. A decorrere dal 1° gennaio 2013, tutti i datori di lavoro, a prescindere dall’organico aziendale, che effettuano risoluzioni di rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, dovranno obbligatoriamente versare il contributo in esame.

di La Redazione - 26 giugno 2013
F

Decreto lavoro: 800 milioni per le assunzioni dei giovani disoccupati

Dal Consiglio dei Ministri di questa mattina è arrivato il sì definitivo al decreto legge che contiene misure in materia di lavoro. Nel complesso, si tratta di uno stanziamento di risorse pari a 1,5 miliardi di euro. L'articolo principale riguarda gli incentivi per le assunzioni dei giovani tra i 18 e i 29 anni.

di Luigi Piscitelli - 26 giugno 2013
F

Riforma Fornero, De Luca: "Illusoria la crescita dell'occupazione"

Secondo l'opinione del Presidente della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, la Legge n. 92/2012 non ha "tenuto conto delle reali esigenze dei datori di lavoro, finendo per ostacolare ancor di più le assunzioni, limitare le scelte dei datori di lavoro, aggravare i costi e implementare la disoccupazione italiana".

di Luigi Piscitelli - 19 giugno 2013
F

Non chiamatela più 626

Il nuovo decreto 81 ha soppiantato, interamente, l’ormai risalente Legge 626, sinonimo, per oltre un decennio, di Igiene e Sicurezza sul Lavoro. Tra le principali novità, è stata introdotta la codificazione del cosiddetto “Organigramma della Sicurezza”.

di Massimo Cella - 17 giugno 2013
F

Scatti d'ira al lavoro? Non sempre è automatico il licenziamento

Analizziamo gli scatti d’ira, vale a dire le reazioni violente e/o ingiuriose del lavoratore rivolte a colleghi di lavoro o al superiore gerarchico. Episodi che, in un clima di frustrazione dovuto all’attuale mondo del lavoro, sono sempre più frequenti.

di Federico Gaballo - 10 giugno 2013
F

La responsabilità amministrativa degli enti nella sua evoluzione

Con il D. Lgs. n. 231/2001 è introdotta, in conformità alle esigenze legislative europee, la responsabilità amministrativa degli enti. Al fine della configurabilità della responsabilità dell’ente il reato deve essere commesso dai vertici aziendali (c.d. apicali), nonché dal personale dipendente, nell’interesse o a vantaggio dell’ente.

di Matteo Alessandro Pagani - 10 giugno 2013
F

Sicurezza in azienda e castelli di carta

Occuparsi efficacemente della sicurezza e della salute dei lavoratori in un’azienda, a prescindere dalla complessità, significa interagire con le persone che prendono le decisioni e coinvolgere attivamente chi sovraintende alle diverse mansioni. Gestire invece la sicurezza come se si trattasse di adempimenti formali e burocratici produrrà prima o poi l’esito comune a tutti i castelli di carta, anche a quelli meglio costruiti.

di Antonio Pucacco - 30 maggio 2013
F

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 »