Ecco come utilizzare Linkedin per la tua promozione professionale

di Carlo Mazzocco - 24 giugno 2013

Linkedin, con i suoi oltre 200 milioni di iscritti nel mondo, rappresenta oggi una vetrina imprescindibile per ogni professionista che desideri promuovere le proprie competenze e servizi verso un pubblico sempre più ampio.

La crescita di questo social network espressamente dedicato alle tematiche business appare inarrestabile. I dati, infatti, parlano chiaro:

  • più di 4 milioni di iscritti in Italia;
  • 2 nuovi iscritti al secondo;
  • 5,3 milioni le ricerche effettuate su Linkedin solo nel 2012;
  • più di 1 milione di gruppi di discussione creati.

Vediamo ora i principali passi da compiere per chi desidera aprire un nuovo profilo personale, e come farlo nel migliore dei modi.

  • Pubblica una tua foto - È un passaggio fondamentale: le persone si fidano di chi vedono in faccia. Non basta pubblicare una lista lunghissima di skills e avere anni di esperienza alle spalle: se la tua foto appare poco professionale o di bassa qualità, l’interesse nei tuoi confronti potrebbe risentirne. La prima impressione conta, eccome!
  • Crea una headline convincente - Si tratta del “titolo” che si trova sotto al tuo nome e cognome. Assicurati di inserire delle parole-chiave associate alla tua occupazione principale. I contenuti della headline, infatti, sono indicizzati dal motore di ricerca interno. Ti consiglio di inserire qui anche un link verso altri contenuti creati da te (blog personale, profilo su Slideshare, ecc.).
  • Modifica l’URL del tuo profilo – Personalizza l’indirizzo del tuo profilo perché contenga il tuo nome e cognome (per esempio: linkedin.com/in/mariorossi).
  • Imposta il tuo profilo come visibile a tutti – sembra una cosa scontata, ma spesso non lo è affatto. Assicurati che tutti possano arrivare a te. Linkedin è lo strumento non plus ultra per sfruttare le economie di rete.
  • Completa la sezione “Esperienza” – inserisci con dovizia di particolari tutte le informazioni su almeno le ultime tre posizioni occupate. Attenzione alla lingua! Se sei interessato anche a contatti internazionali, l’inglese è d’obbligo.
  • Completa la sezione “Summary” scrivi 3-4 righe nelle quali presenti i tuoi punti di forza e spieghi perché qualcuno dovrebbe chiederti subito un collegamento. Mettiti dal punto di vista del lettore e fagli capire immediatamente il valore aggiunto che puoi offrire. Qui devi diventare il miglior promotore di te stesso, ma senza esagerare.
  • Scrivi delle referenzeaggiungi al tuo profilo i colleghi di lavoro e le persone migliori con le quali hai collaborato. Poi, scrivi qualche riga a ognuno dove spieghi i benefici ottenuti dal vostro rapporto. Sarà più semplice ottenere una referenza “di ritorno” e migliorare la visibilità e la social proof del tuo profilo.
  • Iscriviti ai Gruppi – esistono gruppi che trattano degli argomenti più disparati. Unisciti a quelli che trattano argomenti inerenti al tuo lavoro. Leggi e intervieni nelle discussioni. Otterrai un doppio vantaggio: sarai aggiornato con punti di vista di altri professionisti e ti farai conoscere da persone che, probabilmente, avranno interesse a collaborare con te in futuro. Non sottovalutare questa possibilità!

Dopo aver creato il profilo è necessario darsi da fare per ottenere maggiore visibilità aumentando i contatti e pubblicando contenuti di interesse per il proprio target di riferimento.

Ecco cosa ti consiglio di fare subito dopo aver creato e ottimizzato i contenuti del tuo profilo personale:

  • Importa la lista dei tuoi contatti email (da Outlook, Gmail, Yahoo, ecc.) per trovare subito i profili Linkedin delle persone che conosci e chiedere loro un collegamento.
  • Usa spesso la barra di ricerca – è uno strumento molto potente: si possono infatti fare delle ricerche dettagliate per nome, gruppi, aziende o lavori offerti.
  • Crea degli alert – ti interessa avere notizie periodiche su argomenti pre-definiti? Dopo aver cercato delle parole-chiave clicca il bottone “Save Search”: esso ti permetterà di ricevere un email giornaliera o settimanale con le migliori notizie per quegli argomenti.
  • Aggiorna spesso il tuo status – fai vedere ciò che sai! Pubblica articoli interessanti o i dettagli del tuo ultimo progetto. Qualcun altro potrebbe essere interessato a saperne di più. Condividere è potere.

Linkedin è il curriculum dell’era 2.0 ma anche, e soprattutto, uno degli strumenti migliori per entrare in contatto con nuove fonti di informazione e con nuove persone interessanti per il proprio business. Esserci non costa nulla, anzi, c’è solo di che guadagnarci.

Carlo Mazzocco

@CarloMazzocco

2 Commenti :

Inviato da Marco Cimini il 25 giugno 2013 alle 16:32

Buono il suggerimento sulla headline, ma come si fa a modifcare la URL del profilo? Mi pare che venga assegnata da Linkedin... D'accordo con il resto, però mi ha sempre convinto poco la questione delle referenze, mi sembra un fishing for compliments un pò troppo smaccato e alla fine poco credibile nei risultati

Inviato da Carlo Mazzocco il 2 luglio 2013 alle 9:29

Ciao Marco e grazie per il commento. Puoi personalizzare la tua Vanity URL andando a leggere questo link: http://help.linkedin.com/app/answers/detail/a_id/87 Le referenze secondo me, invece, possono essere utili se non sono "forzate", cioè se contengono degli elementi veramente utili al lettore. Una referenza, in altri termini, dovrebbe dare un valore aggiunto al lettore e informare nel dettaglio sulle competenze di chi l'ha ricevuta. Se così non fosse, allora non avrebbero veramente senso...

Captcha

/media/7558707/promo-firma_puntorao2__1_.jpg
/media/6468382/info.jpg
/media/7751997/banner-master-2014-2015-generale-post-ok.png
/media/7823835/webseminar--milano-9-luglio-2014-oggi.png
/media/7448011/immagine-piccola-nuove-formule-fisco-antiriclaggio-base282.png
/media/8041712/banner-quesito-omaggio.png
/media/8041709/banner-linea-telefonica.png

Living book in vetrina