Amarcord

Il Censis certifica le disparità intergenerazionali

Il Censis www.censis.it – istituto di ricerca fondato da Giuseppe De Rita nel lontano 1964 – è uscito con la cinquantesima edizione del rapporto annuale. Che Italia emerge? Un Paese in declino strutturale, incrostato, invecchiato, piegato su se stesso.

di Beniamino Piccone - 16 gennaio 2017

Lo schiaffo dei giovani al referendum un segnale per i prossimi governi: basta sussidi ai pensionati agiati

Secondo le analisi post elettorali di SWG, i giovani tra i 18 e i 24 anni hanno votato NO al referendum confermativo nella misura del 71%. Nella fascia 25-34 anni il dato non si discosta di molto: 65%. Insomma l’evidenza empirica è chiara: i giovani hanno voltato le spalle a Matteo Renzi. Il “rottamatore” è stato rottamato da coloro che lo avrebbero dovuto appoggiare nel processo di rinnovamento della classe politica italiana. Come mai? Una possibile ragione sta nell’agenda politica del fu governo Renzi, che ha visto di continuo politiche orientate a favorire i pensionati, che in molti casi non ne hanno bisogno, essendo di gran lunga la classe meno colpita dalla crisi degli ultimi 8 anni (certificato vieppiù dalle analisi del CENSIS, appena pubblicate).

di Beniamino Piccone - 19 dicembre 2016

Nella pubblica amministrazione si premia la presenza. E la produttività?

Il presidente del Consiglio a pochi giorni dal referendum festeggia la firma del rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici che sono ben 3.252.959. La Ministra per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Marianna Madia dichiara felice che “è un accordo Robin Hood, daremo più ai poveri e meno a chi già guadagna”.

di Beniamino Piccone - 13 dicembre 2016

Gli imprenditori italiani somigliano a Donald Trump

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha decretato la fine del corso legale delle banconote di grande taglio – 500 e 1000 rupie, l’equivalente di 7 e 14 euro, ma con un costo della vita reale più basso – al fine di dare un taglio all’economia sommersa. Tutta l’India è in coda per cambiare i soldi che in solo due settimane non avranno più valore. I possessori possono solo depositarle in banca – in quantità limitata – oppure scambiarle con banconote di taglio inferiore. In Italia come siamo messi con l’uso del cash? Male, as usual, il contante è ancora il mezzo di pagamento più diffuso.

di Beniamino Piccone - 28 novembre 2016

In India si spinge verso i pagamenti digitali, in Italia siamo ancora affezionati al contante

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha decretato la fine del corso legale delle banconote di grande taglio – 500 e 1000 rupie, l’equivalente di 7 e 14 euro, ma con un costo della vita reale più basso – al fine di dare un taglio all’economia sommersa. Tutta l’India è in coda per cambiare i soldi che in solo due settimane non avranno più valore. I possessori possono solo depositarle in banca – in quantità limitata – oppure scambiarle con banconote di taglio inferiore. In Italia come siamo messi con l’uso del cash? Male, as usual, il contante è ancora il mezzo di pagamento più diffuso.

di Beniamino Piccone - 28 novembre 2016

La spesa corrente non deve essere considerata una variabile indipendente

Il 2 novembre scorso sul Corriere della Sera il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida propone – in relazione alle emergenze sismiche che incideranno sul bilancio pubblico – un aumento temporaneo dell’imposta sui redditi in nome della solidarietà. A fronte di una pressione fiscale esagerata, a fronte di servizi pubblici che in alcune regioni italiane sono a dir poco imbarazzanti, si mette sul tavolo l’idea di aumentare ancora la tassazione diretta. Non è sostenibile, il sistema economico, già boccheggiante, non può sopportare un ulteriore aumento del carico tributario.

di Beniamino Piccone - 21 novembre 2016

Le grandi famiglie e il governo societario, una sfida sempre più dura, ma inevitabile

In Italia esiste una naturale ritrosia da parte degli imprenditori a quotarsi in borsa. Il mercato azionario viene visto come qualcosa di astratto, lontano; la finanza considerata “brutta e cattiva”, quando – se usata correttamente – è un formidabile volano per la crescita dell’impresa.

di Beniamino Piccone - 14 novembre 2016

La classe dirigente sindacale deve tornare sui banchi di Scuola

Proprio perchè il sindacato è fondamentale all’interno di una società, saremmo lieti di vedere a capo delle compagini sindacali delle persone preparate.

di Beniamino Piccone - 7 novembre 2016

Quieto vivere o voglia di crescere

In un recente scritto di Vittorio Coda - per tanti anni professore di economia e strategia aziendale in Bocconi – ha riportato all’attenzione dei lettori un testo ormai dimenticato di Teilhard de Chardin, filosofo gesuita vissuto nel secolo scorso. Nel discorso sulla felicità, il teologo definisce il “quieto vivere” – seguita da molti concittadini – come la filosofia del “non vivere”.

di Beniamino Piccone - 31 ottobre 2016

Le medie imprese devono spingere verso la quotazione, senza perdere il controllo: Campari, una storia di successo

Mi sono posto negli anni e mi pongo sempre la stessa domanda: perchè gli investitori - se vogliono continuare nel fai-da-te – non investono le loro risorse nel capitalismo familiare sano italiano, costituito da imprese formidabili, quotate, le cosiddette multinazionali tascabili? Portiamo un esempio concreto. Il gruppo Campari, “fondato nel 1860, è un’azienda leader nell’industria globale del beverage di marca, con un portafoglio di oltre 50 marchi premium e super premium che si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. Il Gruppo è sesto per importanza nell'industria degli spirit di marca, e i prodotti sono commercializzati e distribuiti in oltre 190 paesi nel mondo”.

di Beniamino Piccone - 24 ottobre 2016

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 »

BENIAMINO PICCONE

/media/4982327/piccone.png
STORIA ECONOMICA
Account twitter Account LinkedIn Feed RSS
AMARCORD

Private banker presso Nextam Partners SGR. Economista e docente universitario alla’Università Carlo Cattaneo – LIUC dove insegna Sistema Finanziario. È un cultore della storia della Banca d’Italia. Ha curato – sempre con l’editore Aragno il volume Paolo Baffi, Parola di Governatore (2013) e Anni del disincanto. Carteggio 1967-1981 (2014). Collaboratore di Repubblica. È animatore dell’apprezzato blog di economia, finanza e spirito civico Faust e il Governatore.

ARCHIVIO