Incarichi professionali

di Alessandro Lini - 11 giugno 2013

Dopo l’entrata in vigore del D.L. n. 1/2012 è divenuto più che mai opportuno per il professionista predisporre un incarico professionale in maniera puntuale e completa; nei fatti l’art. 9 comma 4 del D.L. in esame, pur trattando di compensi professionali rende opportuno, per non dire obbligatorio fare tutto ciò per iscritto.

Com’è ormai noto, la norma impone la pattuizione del compenso al momento del conferimento dell’incarico, e pone, in capo al professionista, l’obbligo di "rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico"; la stessa norma poi pone l’obbligo di pubblicizzare al cliente gli estremi della polizza assicurativa.

Infine prevede che  la "misura del compenso" sia "previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima", che deve essere adeguata all’importanza dell’opera e che sia pattuita indicando per le singoli prestazioni tutte le voci di costo.

Con il D.M. n. 140/2012 che ha regolamentato i parametri per la determinazione giudiziale del compenso è infatti prevista una sanzione indiretta per il professionista che non è in grado di dimostrare di aver consegnato al cliente il preventivo di massima; l’art. 1 comma 6 dispone che "l’assenza di prova del preventivo di massima di cui all’articolo 9, comma 4, terzo periodo, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, costituisce elemento di valutazione negativa da parte dell’organo giurisdizionale per la liquidazione del compenso".

Pertanto diviene quanto mai opportuno per il professionista adeguare la propria organizzazione di studio predisponendo, per gli incarichi assunti, la documentazione necessaria a tutela del proprio credito.

Il CNDCEC ha pubblicato sul sito un facsimile per una lettera di incarico completa in tutte le sue parti (clicca qui per leggere i documenti).

Naturalmente ciascun professionista poi potrà sviluppare il mandato professionale secondo quelle che sono le peculiarità del suo intervento.

Oltre alla descrizione della prestazione che si andrà a svolgere e l’indicazione del compenso e di tutti gli oneri ipotizzabili nel corso dell’esecuzione dello stesso, è importante concordare gli altri elementi del contratto quali la durata, gli obblighi che fanno capo al cliente (ad esempio il rispetto di termini per la consegna della documentazione allo studio), le condizioni per il recesso, ovvero per la risoluzione anticipata dello stesso, inserire la clausola di mediazione e conciliazione senza dimenticare l’informativa sulla privacy e l’avvertenza che il professionista è tenuto ad assolvere agli obblighi a lui imposti dalla normativa sull’antiriclaggio.

La parte centrale rimane comunque la descrizione della prestazione professionale oggetto dell’incarico stresso.

Così, ad esempio, nel caso di un incarico relativo alla consulenza e assistenza generica e continuativa, comprensivo di assistenza al cliente per la redazione del bilancio e dei dichiarativi, si potrebbe articolare la descrizione della prestazione nel seguente modo:

A) Prestazione professionale: Consulenza e assistenza nella redazione del bilancio d’esercizio in formato cee e nelle relazioni collegate obbligatorie.

Oggetto della prestazione è l’attività di consulenza ed assistenza svolta nei confronti del cliente nella gestione delle operazioni d’integrazione e rettifica delle poste di contabili che sono necessarie, anche a seguito dell’attribuzione di valori a poste da stimare, per giungere, dal primo bilancio di verifica fornito dal cliente, alla formazione a norma di legge dello stato patrimoniale e del conto economico, accompagnati da una relazione tecnica illustrativa o più precisamente dalla nota integrativa. (eventuale) La predisposizione e l’organizzazione sistematica delle informazioni necessarie per la relazione sulla gestione da parte dell’organo amministrativo.

Formano oggetto della prestazione:

  1. esame del primo bilancio di verifica fornito dal cliente;
  2. predisposizione delle scritture di assestamento e rettifica;
  3. riclassificazione del bilancio, secondo lo schema previsto dagli artt. 2423 e seguenti del codice civile;
  4. predisposizione dello nota integrativa;
  5. deposito telematico del bilancio presso il registro delle imprese.

 

B) Prestazione professionale: Consulenza ed assistenza nella predisposizione delle dichiarazioni fiscali (redditi, irap, studi di settore, iva).

Oggetto della prestazione è l’attività di assistenza e consulenza resa al cliente per l’assolvimento degli obblighi dichiarativi previsti dalla normativa tributaria vigente. (D.P.R. n. 322/1998)

Formano oggetto della prestazione:

  1. Predisposizione della comunicazione dati ai fini iva di cui all’art. 8 bis dpr 322/1998;
  2. predisposizione della dichiarazione annuale iva di cui all’art. 8 dpr 322/1988;
  3. predisposizione della dichiarazione dei redditi;
  4. predisposizione della dichiarazione irap;
  5. predisposizione della comunicazione relativa agli studi di settore;
  6. elaborazione e liquidazione delle imposte relative, predisposizione dei modelli di versamento;
  7. invio telematico del mod F24;
  8. invio telematico delle dichiarazioni.

 

C) Prestazione professionale: Consulenza ed assistenza nella predisposizione della dichiarazione dei Sostituti di Imposta (mod. 770).

Oggetto della prestazione è l’attività di assistenza e consulenza resa al cliente per l’assolvimento degli obblighi dichiarativi previsti per i sostituti d’imposta ai sensi della normativa tributaria vigente (D.P.R. n. 322/1998).

Formano oggetto della prestazione:

  1. predisposizione della dichiarazione dei sostituti d’imposta in forma semplificata/ordinaria;
  2. invio telematico della dichiarazioni.

 

 

D) Prestazione professionale: Consulenza ed assistenza societaria, aziendale e tributaria generica e continuativa.

Oggetto della prestazione è l’attività di assistenza e consulenza in materia societaria, aziendale, e tributaria a carattere continuativo e generico svolta dal professionista nei confronti del cliente.

Per consulenza in materia societaria deve intendersi quell’attività di assistenza volta ad assicurare il rispetto degli adempimenti di natura prevalentemente formale, relativi al regolare svolgimento della vita dell’ente societario in quanto tale, con riferimento alla forma giuridica in cui l’ente è costituito.

Per attività di consulenza aziendale e tributaria deve intendersi quel complesso di attività di consulenza e assistenza all’impresa, poste in essere dal professionista e relative all’attività economica effettivamente svolta dall’azienda nello sviluppo dei suoi rapporti articolati nei vari aspetti contrattuali, tributari, amministrativi, commerciali e gestionali, svolta a livello generale.

Rientrano nel presente incarico:

  1. la consulenza, anche telefonica, sulle procedure fiscali ricorrenti su problematiche specifiche del cliente;
  2. l’aggiornamento sulle novità e modifiche della legislazione fiscale mediante invio di circolari e comunicazioni telefoniche;
  3. l’assistenza nella predisposizione e elaborazione di situazioni contabili periodiche;
  4. Nr. …… incontri con cadenza settimanale/mensile/trimestrale, da concordare all’inizio del mandato per tutta la durata dell’incarico, presso la sede del cliente per l’assistenza contabile e fiscale delle principali operazioni aziendali sottoposte a controllo;
  5. la consulenza e l’assistenza sulla redazione dei verbali del consiglio di amministrazione, dei verbali dell’assemblea dei soci o di altri libri sociali comunque previsti o nello statuto o dalla normativa di settore;

Non è compresa nel presente incarico, e pertanto dovrà formare oggetto di specifico incarico, l’attività e le prestazioni professionali di:

  1. Consulenza, assistenza e rappresentanza tributaria in occasione di ispezioni, verifiche e controlli posti in essere da parte delle autorità ad essi preposte;
  2. Consulenza, assistenza e rappresentanza tributaria nelle fase del contenzioso tributario ad ogni livello;
  3. Consulenza ed assistenza per tutte le attività di ravvedimento operoso relative all’omesso versamento di imposte tributi e contributi;
  4. Consulenza nella predisposizione e stipula di specifici contratti; l’assistenza precontrattuale nelle trattative con le controparti;
  5. Diagnosi ed attività di check-up aziendale, analisi dei bilanci, analisi dei costi aziendali;
  6. Consulenza per l’impianto di specifici sistemi di controllo direzionale;
  7. Predisposizione, sviluppo ed implementazione di attività di programmazione e controllo economico finanziario;
  8. Consulenza di natura economico finanziaria finalizzata alla predisposizione di studi e ricerche relativi a:
    • scelta delle diverse forme tecniche di finanziamento;
    • attività di valutazione tecnica dell’iniziativa di impresa e di predisposizione dei business plan per l’accesso a finanziamenti;

 

Clicca qui per leggere la Circolare Monografica di approfondimento sul Mandato Professionale

Alessandro Lini

@Alelini


0 Commenti :

Commento

Captcha

ALESSANDRO LINI

/media/4779601/lini.png
PROFESSIONE, PROFESSIONISTA
Account twitter Account LinkedIn Feed RSS

Dottore Commercialista, revisore legale, consulenza aziendale e tributaria. Consulenza ed assistenza nello start up di pmi; enti non commerciali. Ctu,Ctp e procedure concorsuali Relatore in eventi formativi su ordinamento professionale, (deontologia e tariffa), organizzazione degli studi professionali e società tra professionisti.


Gli (in)utili Commercialisti
4 febbraio 2016

A pensar male si fa peccato, ma…
22 dicembre 2015

Fare il professionista è ancora una professione?
8 giugno 2015

ARCHIVIO