Differenza tra autofattura, reverse charge e integrazione della fattura

di Stefano Setti - 10 ottobre 2013

Il Master Iva MySolution, GRATUITO PER GLI ABBONATI ALLA PIATTAFORMA MYSOLUTION, sarà un’occasione mirata per i professionisti per reperire soluzioni operative. Gli incontri inizieranno il 16 ottobre 2013 a Montegrotto Terme (PD) e il 29 ottobre 2013 a Brescia.

Di seguito una tipologia di quesito al quale il Master Iva MySolution fornisce una risposta.

Domanda: Qual è la differenza tra autofattura, reverse charge e integrazione della fattura?

Risposta: Nei casi in cui il debitore dell’imposta sia individuato dalla legge nel cessionario o committente, le modalità di adempimento degli obblighi tributari da parte dello stesso originano fattispecie che spesso, da parte degli operatori, vengono assimilate: l’autofattura, il reverse charge e l’integrazione della fattura.

Il reverse charge, strumento utilizzato dal legislatore prevalentemente al fine di contrastare fenomeni di evasione, consiste in un’inversione contabile attraverso la quale l’obbligazione tributaria corrispondente al versamento dell’imposta è posta in capo al destinatario della cessione o prestazione, in luogo del cedente o prestatore.

Il meccanismo, introdotto nell’ordinamento italiano dalla L. n. 7/2000, concernente il regime Iva applicabile all’oro (art. 17, comma 5, D.P.R. n. 633/1972) e successivamente esteso alle cessioni di rottami e materiali da recupero (art. 74, D.P.R. n. 633/1972), al settore edile (ad esempio subappalto in edilizia) ed infine al commercio di telefonini, personal computer e prodotti lapidei (art. 17, comma 6, D.P.R. n. 633/1972), impedisce al cedente (che emette fattura nei confronti di un soggetto passivo non applicando l’imposta) di addebitare l’Iva e obbliga il cessionario (che deve integrare con il tributo il documento ricevuto e registrare lo stesso nel registro vendite e acquisti) al versamento totale dell’imposta. In tal modo, si evita che il cessionario/committente porti in detrazione il tributo che il cedente/prestatore non ha mai versato perché “scomparso” (c.d. frodi carosello).

Da queste considerazioni è possibile evincere che, mentre nel procedimento di auto fatturazione (ad esempio, per acquisto di servizi di cui all’art. 7 ter del D.P.R. n. 633/1972 effettuato da prestatore extra Ue) il documento che assume rilevanza è quello emesso dall’acquirente, nell’ipotesi di reverse charge l’obbligo di emissione del documento - senza addebito dell’imposta - è a carico del cedente o prestatore, cioè del soggetto che pone in essere l’operazione imponibile. Il cessionario o committente, nei casi di reverse charge, deve integrare la fattura con l’indicazione dell’aliquota e della relativa imposta, annotando il documento integrato, sia nel registro degli acquisti, sia in quello delle vendite (diventando, in tal modo, il debitore del tributo verso il Fisco).

Secondo quanto disposto dagli artt. 47 e seguenti del D.L. n. 331/1993, negli acquisiti intracomunitari, il soggetto passivo dell’imposta è il cessionario. Infatti, quest’ultimo, dopo aver eseguito la numerazione della fattura del cedente comunitario, è tenuto a integrarla, con l’indicazione dei dati necessari alla determinazione della base imponibile e dell’imposta o del titolo di inapplicabilità della stessa, se trattasi di operazioni non soggette, non imponibili o esenti.

Si può dire che il sistema escogitato dal legislatore per la fatturazione e documentazione in ambito intracomunitario si basa, sostanzialmente, sul reverse charge (infatti, il cedente comunitario emette fattura senza indicazione dell’imposta e l’acquirente nazionale, soggetto passivo, integra la fattura con l’indicazione dell’aliquota e dell’imposta e procede alla sua annotazione sia nel registro delle vendite sia nel registro degli acquisti). Anche in tal caso, il documento rilevante risulta essere quello di fonte estera.

Per saperne di più: Master Iva MySolution

Per informazioni scrivi a: formazione@cesimultimedia.it

Per approfondire leggi anche: 

Master Iva MySolution: un’opportunità di approfondimento per i professionisti


Stefano Setti


0 Commenti :

Commento

Captcha

STEFANO SETTI

/media/4791657/setti-2.png
IVA E INDIRETTE
Account LinkedIn Feed RSS

Dottore commercialista in Milano, ha svolto attività di consulenza fiscale in materia di imposte indirette per studi di primaria importanza, sia nazionali che internazionali. Attualmente svolge funzioni di assistenza e rappresentanza in materia tributaria per svariate società, nonché per professionisti che operano nel settore edile.

PUBBLICAZIONI

- Iva per cassa
- La detrazione dell'Iva
- La territorialità ai fini Iva

EVENTI FORMATIVI

Master IVA MySolution|Formazione 2013


Il regime monofase Iva nel settore della telefonia
21 settembre 2015

Compensazione orizzontale dei crediti Iva
29 ottobre 2014

Fattura: regime delle nuove iniziative produttive
16 settembre 2014

ARCHIVIO