Internet non è la risposta. Forse

di Morena Ragone - 24 marzo 2015 - Google +

La premessa è la domanda: internet è quel “circolo magico e virtuoso”, quel “percorso infinitamente positivo”, quel “successo economico e culturale” che i suoi sostenitori ci prospettano?

Parte da questa, che considera una “falsa promessa”, dal “campo di distorsione della realtà” l’analisi di Andrew Keen, noto critico dell’internet moderna.

L’assunto di partenza è forte, quell’“Internet NON è la risposta che dà il titolo all’intero lavoro: più che una risposta, internet è una domanda, ha diviso anziché aggregato, creato nuove disuguaglianze e nuovi monopoli, esaltato narcisismo e individualità.

La creazione di una società in rete è l’esperimento sociale ed economico più importante in atto: per questo, Keen ci porta alla scoperta di quell’architettura che plasmiamo – ma che finisce per plasmarci – partendo dal Battery di San Francisco – con l’edificio che diviene messaggio della distopia della nuova, esclusiva società internettiana – passando per la retorica dell’un-business e l’incredibilmente diseguale distribuzione del potere e del valore economico, che sta costruendo – dietro un’apparenza fatta di trasparenza, apertura e inclusione – un mondo opaco, esclusivo e discriminatorio.

Keen non manca di sottolineare il valore positivo della rete: nelle relazioni, nelle comunicazioni, nelle spinte libertarie dei popoli, nella possibilità – se associata a una visione critica – di far conoscere il mondo, ma evidenzia come la maggioranza di entusiasti – il 76% di statunitensi secondo la citata ricerca 2014 del Pew Research – non considerino sufficientemente il quadro complessivo: quello di una organizzazione fortemente verticistica, una “plutocrazia di nuovi signori e padroni”, dove poche aziende controllano tutto, ricchezza compresa, e che è molto lontano dalla visione utopistica degli inizi, in cui l’interesse delle sicurezza nazionale e del bene collettivo condiviso ne avevano decretato la nascita.

Il passaggio sarebbe avvenuto a metà degli anni novanta, quanto l’internet dai ricercatori diventa l’internet degli uomini d’affari: non una nuova economia – intesa come nuova struttura dell’economia – ma la semplice sostituzione dei vecchi padroni con i nuovi; l’economia dell’“uno percento” contro quella “dell’altro 99 per cento che non ha investito in Uber, non possiede dei Bitcoin e non affitta su Airbnb qualche stanza del proprio castello”.

L’idea di fondo è espressa a pag. 34 e, pur se formulata a proposito di Amazon, può essere estesa all’intera internet: “al di là dell’indiscutibile convenienza, affidabilità e valore, Amazon sta di fatto producendo un effetto negativo e preoccupante sull’intero settore economico”. Un potere monopolista che riduce, drasticamente, quello degli altri attori della filiera, cui comunque garantisce visibilità, riducendo i posti di lavoro in tutti i settori, assolutamente non compensati dalla minima forza lavoro creata della leggerezza delle aziende della net economy.

Molto interessanti i continui rimandi storici, che ci portano dal fratelli Bentham alla Stasi di Mielke, attraverso Prism e la storia della nascita di internet, fino alla Googlenomics e al villaggio illuminato a giorno di Facebook.

C’è tempo anche per affrontare il meme dell’idolatria del fallimento – complice una viaggio a Rochester nella sede di quella che un tempo fu la gloriosa Eastman-Kodak – quello per cui “il tracollo finanziario rappresenta l’emblema del successo”, e che Keen definisce la “economia da casinò” delle start-up.

Libro ricco di spunti, a tratti ridondante, con echi di Neuromante di Gibson, più volte citato, e scenari quasi apocalittici di una realtà in cui l’elemento umano esiste per spendere, in un mondo del lavoro popolato da robot e droni: i nostri dati come unico elemento di valore, quelli che – più o meno inconsapevolmente – barattiamo per servizi gratuiti e performanti, abbracciando, in tal modo, una rete trasparente fatta di uomini di cristallo.

Il feudalesimo digitale è alle porte? Ah, alla fine Keen una risposta la fornisce, ed è una risposta composita.

Ma non vi dirò quale. Leggetelo. E andatelo a sentire a Torino o Milano.

 

Morena Ragone

@morenaragone


0 Commenti :

Commento

Captcha

MORENA RAGONE

/media/8293940/morena-ragone-55x55.jpg
SOCIAL MEDIA E TECNOLOGIA
Account twitter Account LinkedIn Feed RSS

Giurista, dottoranda di ricerca presso l’Università di Foggia, ha esercitato come avvocato per molti anni. Studiosa di diritto di Internet e delle nuove tecnologie, diritto d’autore, informatica giuridica, eGovernment, Open Govenment e Open data, ha approfondito le problematiche giuridiche connesse alla rete e ai nuovi media ed alla tutela e al trattamento dei dati personali. E’ docente e relatrice in convegni di settore e formatrice per la pubblica amministrazione ed il settore privato. Pubblica articoli di approfondimento sui quotidiani giuridici online Altalex e LeggiOggi, su ForumPA, Pionero e MySolutionPost. E’ co-fondatrice dell’Associazione Wikitalia e tra i promotori degli Stati Generali dell’Innovazione, della quale è anche membro del Direttivo. E’ componente del Comitato degli Esperti in Innovazione di OMAT360, membro del Comitato Scientifico della Scuola per giovani amministratori YPBPR - Youth Politician’ Best Practice - e della collana di ebook “Cambiamo Modello” di SGI/Garamond, nonchè componente del comitato di redazione delle riviste “Documento Digitale” e “eCloud”. E’ consulente giuridico per Stati Generali dell’Innovazione e IWA Italy. Attualmente lavora come responsabile di Azione del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale presso la Regione Puglia.

Impresa
Foia, tra pochi giorni si parte
14 dicembre 2016
Impresa
Diritti di privativa e apertura: in quale mondo viviamo?
1 novembre 2016
Impresa
Una riforma per la riforma: CAD che pasticcio!
1 novembre 2016

ARCHIVIO